• Gigi De Palo

14. La “nuova leadership”

Non a caso questo blog porta proprio questo nome. Ma cosa si intende per “nuova leadership”? Un po’, da quando ho iniziato a pubblicare articoli sulla riflessione che in tutti questi anni ho portato avanti sul tema della leadership, l’ho accennato ma voglio essere più chiaro.

Sicuramente la riflessione, la letteratura e quindi la formazione su questo tema che ha segnato gli ultimi anni deve rivedere alcune cose: se il mondo, nonostante ci sia stato un proliferare di guru e santoni della leadership a tutti i livelli, ha ancora tanti problemi e tante disuguaglianza, qualcosa non deve esser andata per il verso giusto.

Se, come ho detto la scorsa volta, dovevamo aspettare il Covid-19 per rivedere alcune dinamiche in ambito lavorativo e non siamo riusciti ad anticipare alcuni processi irreversibili, forse la parola “cambiamento” tanto in auge è solo un concetto astratto ripetuto a memoria dal formatore superesperto di turno. E potrei continuare parecchio facendo esempi sulla sostenibilità ambientale, sulla crescita del divario tra ricchi e poveri, sul razzismo che in questo periodo va tanto di moda.

Ma qui non si tratta di essere un leader nuovo. Non è questione di età o di novità. Non ha nulla a che fare con questioni generazionali o innovative. Qui si tratta di scegliere liberamente, ma seriamente, se essere o non essere un leader.

Ciascuno di noi ha una leadership. Per elezione, per nascita, per meriti aziendali, per curriculum… ciascuno di noi, nella vita, è chiamato a prendere delle decisioni.

La nuova leadership è la consapevolezza – che tu lo voglia o no – di essere leader nelle cose che ti si presentano ogni giorno. Di rispondere dando la vita davanti alla tentazione della mediocrità e della sciatteria.

La domanda è una e una soltanto: vuoi essere o non vuoi essere un leader?

La decisone non spetta a nessun altro all’infuori di te. E, purtroppo, non si può fingere. A questa domanda non puoi imbastire una risposta come a scuola. Puoi solo rispondere con la concretezza della tua vita. Non c’è nemmeno da rispondere verbalmente. Non c’è da dire. C’è da essere. E non si tratta di esserlo solo in azienda, ma anche nella vita, in famiglia.

Purtroppo la “nuova leadership” non ha un libretto di istruzioni, un bugiardino da leggere e da ripetere pedissequamente. No. Presuppone una scelta, un’opzione fondamentale e molto etica: la decisone matura e consapevole se correre il rischio di darsi o non darsi in pasto. Se giocarsi o non giocarsi. Se essere o non essere leader, per l’appunto.

E questa scelta nasce spontaneamente o si può suscitare? Tutte e due, ma la maggior parte delle volte dorme – per paura – dentro di noi. Ma qui in queste poche righe possiamo solo far sentire il profumo della torta. Ed è già tanto.




180 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti